prima  pagina

notizie dal mondo CAI

newsletter

organi e statuto

storia della sezione

territorio

attivita'

calendario escursioni

alpinismo giovanile

alpinismo arrampicata

sci-escursionismo

tutela_ambiente_montano

gruppo speleologico

sentieristica

pubblicazioni

il Varco del Paradiso

cronache picentine

i libri di vetta

i martedi' del CAI

flora

fotografie

varieta'

Giffoni Film Festival

link  e  meteo

la sede

contattaci

.

il "bollino" del 2016

 

.

il programma di tutte

le attività regionali 2016

Territorio


IL TERRITORIO MONTANO nel quale la Sezione di SALERNO prevalentemente opera, comprende i seguenti gruppi montuosi:

1) MONTI PICENTINI. Della medesima natura calcarea dei Lattari, ne costituiscono quasi la prosecuzione verso l’interno, ma integrano un complesso molto più esteso ed articolato, insistendo fra la Provincia di Salerno e quella di Avellino. Loro caratteristica è la ricchezza di acque e vegetazione. Da essi nascono i principali acquedotti della Campania e lo stesso acquedotto pugliese.

Ricchissimi sono i suoi castagneti (sino a 900 metri circa) e le sue faggete (oltre i 900 metri), ma non mancano moltissime altre specie: acero, ontano, sorbo montano, sorbo dell’uccellatore, carpino, frassino ecc. Tipico della morfologia dei Picentini è l’alternarsi di valloni profondamente incisi ad ampi e ridenti altopiani.

I più noti sono quelli del Terminio (Campolaspierto, Ischia, Verteglia) quelli del Laceno ed i Lagarelli di Polveracchio.

Lo schema essenziale del gruppo si articola in un grosso massiccio di nord-ovest, costituito dal Terminio (1806 m) e da altre cime minori,   da una sinuosa catena centrale estesa dalla valle dell’Irno a quella del Sele, le cui cime principali sono: Pizzo San Michele (1567 m), Monte Mai (1607 m), Monte Accellica (1660 m), Monte Raiamagra (1667 m), Monte Cervialto (1809 m)  e infine dall’ampia e boscosa dorsale del Monte Polveracchio (1790 m), posta a sud-est.

Se i Lattari vanno frequentati in inverno ed in primavera, i Picentini sono buoni per tutte le stagioni, garantendo l’innevamento la pratica dello sci-escursionismo, mentre la fitta vegetazione e le acque rendono piacevole il percorrerli, anche nei più caldi periodi estivi.

 

2) MONTI ALBURNI. Grande altopiano esteso per due decine di chilometri, contornato da superbi bastioni di bianco calcare ippuritico nei lati di NW e NE, sito nella parte settentrionale del Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Alterna estese e fitte faggete a prati e profonde grave. Queste ultime connotano la carsicità del massiccio e costituiscono famose palestre speleologiche.

Di carattere turistico, ma non meno belle, sono le grotte di Pertosa e di Castelcivita, site alla base del gruppo.

Cime principali: Monte Alburno o Panormo (1742 m), Monte La Nuda (1704 m), Monte Urto (1661 m).

3) COMPLESSO DELL' EREMITA - MARZANO.  Al confine fra le province di Salerno e quelle di Potenza ed Avellino, è costituito da un singolare altopiano fatto di cime per lo più arrotondate e boscose e da un intrico di piccole valli dove è facile e fascinoso perdersi. Non mancano facili percorsi su strade sterrate. Cime principali: Monte Eremita (1542 m) e il Monte Marzano (1530 m).

4) CERVATI, GELBISON e MONTI DEL CILENTO. Con i suoi 1898 metri il Cervati è la cima più alta della regione. Le sue creste calcaree che, elevandosi dalle sottostanti faggete, racchiudono un armonioso altopiano, gli danno un aspetto inconfondibilmente alpestre. Assieme agli altri monti del Cilento - che terminano a mare con la cima minore, ma pittoresca nel suo isolamento, del Monte Bulgheria (1126 m), costituisce un groviglio disordinato ed affascinante di monti nel quale invano cercheresti un sistema. Trattasi di montagne di non facile accesso per la loro eccentricità rispetto al capoluogo e per questioni di viabilità, ma proprio per questo stimolanti e selvagge. Sono affidate al Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

5) MONTI LATTARI. Pur di competenza delle Sezioni CAI di Cava de' Tirreni e di Castellammare di Stabia li citiamo per la vicinanza alla nostra città.

Costituiscono l’ossatura della Penisola sorrentino-amalfitana, a cavallo tra i golfi di Salerno e di Napoli. Le sue principali cime sono costituite dal Monte San Angelo a tre Pizzi, bastione roccioso alto 1443 metri, a picco sul mare di Positano; il Monte Cerreto (1315 m), alle spalle di Ravello; il Monte Finestra (1145 m), tra Cava de' Tirreni e il mare di Salerno.

Di natura prevalentemente calcarea, il gruppo è noto per la sua panoramicità, consentendo escursioni sospese tra cielo e mare, spesso in vista di Capri. Famoso sotto tale aspetto è il "Sentiero degli dei" che va da Agerola a Positano. Parimenti notevole è la Valle delle Ferriere (Riserva naturale - necessita autorizzazione) a monte di Amalfi, ricca di acque e di vegetazione, tra cui rare specie di felci, la woodwardya radicans e la woodwardya woodwardya) che ivi alligna per un particolare microclima.