prima  pagina

notizie dal mondo CAI

newsletter

organi e statuto

storia della sezione

territorio

attività

calendario escursioni

alpinismo giovanile

alpinismo arrampicata

sci-escursionismo

tutela_ambiente_montano

gruppo speleologico

sentieristica

pubblicazioni

il Varco del Paradiso

cronache picentine

i libri di vetta

i martedì del CAI

flora

fotografie

varietà

Giffoni Film Festival

link  e  meteo

la sede

contattaci

.

il "bollino" del 2013


 

Il necessario per le Escursioni

 

COSA INDOSSARE nelle ESCURSIONI

 

·         Scarponi a collo alto con suola in Vibram: devono essere comodi e già “rotati”

·         Calzettoni tecnici lunghi

·         Pantalone tecnico o, solo inizialmente, pantalone comodo

·         Canotta intima - a pelle - traspirante, di polipropilene (evitare il cotone)

·         Maglietta tecnica traspirante a maniche corte

·         In autunno: pile leggero o maglietta tecnica a maniche lunghe

·         In inverno: due pile di media pesantezza (da preferire rispetto ad uno molto pesante)

·         In inverno: un paio di guanti

·         Copricapo: d’estate, di cotone leggero ed a tese ampie; d’inverno berretto di pile o lana

 

 

COSA METTERE SEMPRE NELLO ZAINO

 

·         Giacca a vento tecnica impermeabile e traspirante.

                    (in attesa di acquistarla: k-way o mantella ampia)

·         Sovra-pantaloni impermeabili o, in mancanza, ghette impermeabili

·         In inverno: un secondo paio di guanti

·         Occhiali da sole (anche d’inverno)

·         Occhiali da vista di ricambio (se necessari)

·         Crema solare e stick protettivo per le labbra

·         Coprizaino impermeabile (se non presente nello zaino)

·         Borraccia (almeno 1,5 lt. d’estate)

·         Barrette energetiche e/o frutta secca e/o altro per spuntini

·         Pranzo al sacco (se previsto dal programma)

·         Bussola (ed altimetro)

·         Carta topografica (in busta impermeabile)

·         Fischietto

·         Lampada frontale (o, in mancanza, torcia) con batterie di ricambio

·         Telo termico d’emergenza

·         Mini kit Pronto Soccorso

·         Cellulare

·         Coltellino multifunzione

·         Fazzolettini di carta

·         Carta igienica

·         Nastro adesivo “americano”

 

 

 

 

 

COSA LASCIARE in AUTO o sul PULLMAN

 

·         Un cambio completo di indumenti (compresi la biancheria, un asciugamani ed un paio di scarpe)

·         Una bottiglia di acqua “minerale”

·         Biscotti secchi

   AE  Luigi Monetti

RIFLESSIONI  sullo  ZAINO

(riceviamo e volentieri pubblichiamo)

Fare lo zaino è un'arte.
Fare lo zaino è anche una filosofia.
Uno zaino deve essere fatto con amore.
L'amico è quello che ti porta lo zaino,
quando diventa pesante,
anche se non glielo hai chiesto.
Il tuo zaino contiene anche un po' di te stesso.
Uno zaino pesa poco e contiene molto.
Il molto che contiene uno zaino non deve essere
più del necessario.
Il superfluo pesa di più.
Se lo zaino è bucato perde per strada quello che contiene.
Nello zaino non mettere i pensieri tristi e le cattiverie:
non occupano spazio ma lo appesantiscono
fino a farlo diventare insopportabile.
riempilo invece di sogni e fantasie:
non occupano spazio e lo rendono leggero.
Lo zaino vive sulle tue spalle
Camminando diventa parte del tuo corpo
Chiuso in un armadio soffre di nostalgia.
Uno zaino buono e fedele, ti segue ovunque e non gioca con il vento,
perché sa che potrebbe farti perdere l'equilibrio.
Nella nebbia lo zaino indica la strada dell'amico che ti segue.
Lo zaino può servirti da cuscino.
Lo zaino conosce i segreti del tuo cuore
e il colore dei venti.

Rosy