prima  pagina

notizie dal mondo CAI

newsletter

organi e statuto

storia della sezione

territorio

attivita'

calendario escursioni

alpinismo giovanile

alpinismo arrampicata

sci-escursionismo

tutela ambiente montano

gruppo speleologico

sentieristica

pubblicazioni

il Varco del Paradiso

cronache picentine

cronache a passo ridotto

i libri di vetta

i marted́ del CAI

flora

fotografie

varieta'

link  e  meteo

la sede

contattaci

 

.

il "bollino" del 2020

 

 

 

COLLINE SALERNITANE

SENTIERO 121

clicca per la descrizione

clicca per la cartina del tratto urbano

 

Per ottenere la chiave di accesso alla pineta del Castello di Arechi

telefonare ad Aldo Tisi 3477227413

 

Norme autoregolamentazione CAI


LE NORME Dl AUTOREGOLAMENTAZIONE DEL C.A.I.

DICHIARAZIONE DEL CLUB ARC ALPIN (C.A.A.)
CONCERNENTE I PRINCIPI DI COMPORTAMENTO
NELLE ATTIVITa' PRATICATE IN MONTAGNA

(Approvata dal Consiglio Centrale del 13 gennaio 2001)

 

Introduzione
Per tradizione, da oltre centanni i club alpini si sono sentiti e si sentono coinvolti in prima persona nelle questioni relative alle attivita' praticate in montagna e sono, nei fatti, i principali interlocutori per tutto cio' che concerne l'ambiente e lo spazio alpino.
Conformemente al loro statuto, infatti, essi hanno promosso e promuovono lo sviluppo delle pratiche della montagna e sono fattivamente impegnati nella protezione del suo ambiente. Attualmente, i club alpini delle Alpi e, segnatamente, il Deutscher Alpenverein (D.A.V.), il Club Alpino Italiano (C.A.l.), l'Oesterreichiscer Alpenverein (Oe.A.V.), il Club Alpin Francais (C.A.F), il Club Alpino Svizzero (C.A.S.), il Planinska Slovenije (P.Z.S.), I'Alpenverein Su'dtirol (A.V.S.) e il Liechtensteiner Alpenverein (L.A.V.) hanno sentito il bisogno di un confronto e di una collaborazione piu' serrata che ha portato alla costituzione del Club Arc Alpin (C.A.A.), che li riunisce e li rappresenta nell'intento di assicurare un alpinismo responsabile conciliando gli interessi degli alpinisti con le necessita' di un utilizzo responsabile e di uno sviluppo durevole dell'ambiente alpino e delle sue forme di vita.
Nel loro complesso, i Club Alpini europei riuniti in seno al C.A.A. rappresentano 1.600.000 soci, gestiscono 1.500 rifugi e contribuiscono alla manutenzione di centinaia di migliaia di km di sentieri escursionistici.
Dal gennaio 1996, inoltre, il Club Arc Alpin possiede lo status di osservatore in seno al comitato permanente della Convenzione delle Alpi.

e' fermo proposito del C.A.A. contribuire:
- alla protezione della montagna e allo sviluppo durevole dello spazio alpino nel rispetto degli uomini che vi vivono;
- alla conservazione delle zone di montagna non modificate dall'uomo (dette zone wilderness);
- ad evitare regolamentazioni unilaterali e limitazioni della pratica alpinistica da parte delle autorita';
- ad assicurare e promuovere il libero accesso alpinistico in montagna come forma di un'esperienza unica che va garantita anche alle generazioni future.

 

Preambolo
I club alpini delle Alpi, riuniti nel Club Arc Alpin, essendo consapevoli
- del crescente attacco che pianificazione e urbanistica conducono nei confronti dello spazio alpino;
- dell'impoverimento progressivo dei fondamenti naturali della vita delle popolazioni alpine;
- delle minacce gravanti sulla varieta' delle specie;
- dell'incessante abuso nei confronti del paesaggio alpino, sorgente copiosa d'esperienze e di ricreazione;
- del rischio del venir meno del naturale spazio di sviluppo per le generazioni future;

stabiliscono i seguenti principi di comportamento, riguardanti lo spazio alpino, che non costituiscono unicamente espressione delle intese reciprocamente e liberamente assunte ma, contemporaneamente, si indirizzano agli uomini politici, alle autorita' e alla gente.

 

Dichiarazione
1. La liberta' e la gratuita' d'accesso alla montagna sono valori primari.
Ne e' corollario la necessita' di proteggere il patrimonio naturale e culturale che costituisce la montagna. Anche l'accettazione del rischio e' parte integrante dell'alpinismo.

2. La limitazione e il controllo delle attrezzature d'accesso, quali l'utilizzo di mezzi motorizzati di ogni tipo, e' una condizione della protezione dell'ambiente in montagna.

3. La moltiplicazione di nuovi rifugi e di rifugi-bivacchi in alta montagna non e' auspicabile, ne' la trasformazione ditali rifugi in alberghi di montagna; il ricorso alla tecnologia moderna deve permettere una frequentazione in sicurezza, limitando gli imparti' negativi derivanti dallo sviluppo di tali infrastrutture.

4. La tabellazione e la segnaletica devono essere efficaci ma discrete; possono anche essere rimesse in discussione in settori e vie dove la particolarita' dell'ambiente lo richiede.

5. Le vie storiche dell'alpinismo devono essere mantenute nel loro carattere originale, cosi' come l'apertura di vie nuove deve corrispondere ad un'etica di rispetto dell'integrita' delle pareti, restando esclusa l'apertura dall'alto.

6. L'alta montagna deve essere preservata da attrezzatura pesante e la creazione di luoghi di scalate e di vie ferrate (se ne deve evitare la proliferazione) deve essere sottoposta ad una procedura di concertazione-convenzione. La descrizione di itinerari e la concezione di guide topografiche devono lasciare uno spazio a zone di piena avventura succintamente descritte o volontariamente ignorate.

7. Le competizioni sono di norma da evitarsi, particolarmente nei settori ancora preservati da ogni trasformazione, sensibili o protetti. I mezzi motorizzati devono essere limitati ai soli soccorsi; i rifiuti prodotti e i materiali utilizzati devono essere immediatamente rimossi.

8. Nell'ambiente di montagna e' richiesto un comportamento responsabile per l'eliminazione dei rifiuti, il rispetto del silenzio, il ricorso ai mezzi di comunicazione che vanno limitati ad un utilizzo di emergenza o di semplice informazione.

9. Il rischio assunto e condiviso nello spirito di cordata e' un momento culturale essenziale dell'alpinismo, cosi' come la predisposizione a non alimentare contenziosi. La conoscenza ed il rispetto della montagna sono condizioni indispensabili per una sicura pratica dell'alpinismo.

10. I membri e i responsabili del CAA sono chiamati ad esercitare una grande vigilanza ed a intervenire presso le autorita' competenti al fine di evitare ogni intervento limitativo nell'uso degli spazi di montagna.


Precedente torna su Successiva